ANNO XXX - N. 4 = DICEMBRE 2003

 

 

FOGLIO NOTIZIE

"LA TRISA"

 

IN QUESTO NUMERO:

  1. = ANCORA ... NATALE

  2. = NOTIZIE IN BREVE

  3. = RICORDI

  4. = IL TESORIERE RI-RACCOMANDA

 

 

 

torna su

ANCORA ... NATALE

Ed ancora una volta siamo arrivati a Natale.
Per la nostra associazione si tratta del 49 Natale.
E molti di questi quarantanove, i primi, sono stati davvero importanti
per "La Trisa". I meno giovani ricorderanno infatti che per molti anni
l'associazione si faceva carico della realizzazione di un grande albero
di Natale che veniva innalzato vicino alla cooperativa.
Per tanti anni, poi, si realizzava una piccola cerimonia portando doni
(di solito un panettone ed una bottiglia di vino) agli anziani ricoverati
alla Casa di Riposo di Spiazzo.
E per molti anni da Milano veniva organizzato un pullmann per recarsi a
Mortaso a trascorrere la serata dell'ultimo dell'anno.
Rileggere le relazioni dei segretari di allora che descrivono queste cose,
suscita una certa commozione: parlano di grande amicizia, di grande senso di
collaborazione, di grande amore per il proprio paese.
Pensate, per esempio, che partivano con il pullmann (allora si diceva "torpedone")
in 50 /60 persone da Milano verso le 8 di sera del 31 (dopo aver chiuso i negozi)
ed arrivavano a Mortaso pochi minuti prima di mezzanotte proprio in tempo per
festeggiare (di solito al Mezzosoldo) il capodanno, ed il giorno seguente
ripartivano nel primo pomeriggio per essere a Milano a riaprire le botteghe
alla mattina del 2 gennaio ! E quando arrivavano al loro paese si inorgoglivano
a pensare che il bel albero di Natale illuminato (allora in valle ce ne erano
pochissimi) l'aveva realizzato la loro associazione, La Trisa !
Certo i tempi sono cambiati ed oggi tutte queste cose non avrebbero pi senso:
i tempi di spostamento sono molto cambiati, di veri "emigranti" ce ne sono rimasti
ben pochi ed al massimo ci sono i loro figli o i loro nipoti nati nelle citt di
lavoro che certamente provano amore per la terra delle loro origini, ma
inevitabilmente non hanno la stessa sensazione di "tornare a casa".
Tuttavia alcuni sentimenti, come la grande amicizia che legava allora tutti
coloro che facevano parte della associazione; il grande spirito di iniziativa
e la voglia di lavorare insieme per "La Trisa", ed insomma l'attaccamento vero
al nostro sodalizio, ecco, tutte queste cose si potrebbero ravvivare anche oggi
e non sarebbero certo "fuori tempo".
Chiss che il Natale e le festivit, tradizionalmente portatori di bont, non
portino consiglio anche a noi.
Ed al proposito, la vostra associazione, il presidente e l'intero consiglio
direttivo, nonch la redazione di questo giornalino, rivolgono di vero cuore
i pi sinceri ed affettuosi auguri di Buon Natale e Buon Anno a tutti i soci
ed alle loro famiglie.

 

 

 

 

torna su

NOTIZIE IN BREVE

= La festa dell'Uva o Festa d'Autunno stata celebrata lo scorso 28
settembre in localit Montagnana (Padova). Ottima la gita, molto bella
la cittadina, pi che soddisfacente il pranzo, ottima la
compagnia e l'allegria.
Unico neo: poca partecipazione. E' stato forse l'anno con minor
presenza di soci in assoluto. Forse varr la pena di ripensare se
questo incontro sia ancora gradito ai nostri soci o se bisogna farsi
venire qualche altra idea.
= Sono state realizzate delle belle magliette con lo stemma della
nostra associazione. Si tratta di magliette estive con le maniche
corte che ci sembra siano state realizzate davvero bene. Nella
prossima estate speriamo che tutti i nostri soci le sfoggeranno !
= A proposito di ... "divisa", abbiamo ancora qualche esemplare dei
cappelli - simbolo de La Trisa. Abbiamo per solo numeri piccoli mentre
aspettiamo a rifornirci di tutte le misure perch il costo diventato
piuttosto rilevante e quindi li ordineremo solo quando avremo raccolto
un certo numero di prenotazioni dai soci.

 

 

torna su

RICORDI

Approfittiamo del fatto che per questo numero non sono pervenuti
articoli di collaboratori o altro materiale e dedichiamo pi spazio del
solito alla continuazione della pubblicazione della poesia di Santo
Lorenzi che andiamo riportando in varie "puntate".

E quant ca l'a fin li so cursati
al ti d na leziun ali bociati

Ghe anca 'l Peciu, li da la f da R
chi sa ghe da far bel, nul dis mai di n
l' in bel fiol, cor d'or, pien di alegria
basta ncuntrarlo a noma par la via
ca difatt al ti tira 'n l'ostaria

Ghet s, n ga n'et, busegna cuntantarlo
si no 'l ti bateza difat, col s bel garbo
e anca si qualchi bota al rigorda anca i Sancc
di chii carater l, g'an vuria tancc

Chis, chis, chis, chis col ca 'l dir
alla nosa onorevole siora Merlin
ca l' imprag ca vegna gi chi San Martin
a batru gi li casi (chiusi) e 'l s casin
chis chi preghiera nova al savr dir s
a cola chi a pruib da nu nar l p

Anca l'Angil biscar o farletta
l'e ben tai par la barzeletta
a star cun nuaftri l' 'n pochin tetro
ma 'l merita al Scettro
na sagoma dalbon
l' 'l r dai Buffon

Col chi nu s nigun dialet
le noma bon da far al Rigolet
va l carin, ca ti s na bela lania
ti ca ti piant li tendi a Verbania

Par al noss Dario, bravo putel
tirarlo in ball busegna anca el
l'en cantarin miga mal, insoma
sa capita al f anca la gus da dona
al canta par i viff e anca per i morcc
par nu farghi a nigun in dai torcc

L' 'n puchin a curt, in fatto di freduri
ma chili pochi cal dis, li li pu puri
am rigordo ben cola dali du vigeti
(a pinsar cal fa ci mal) ... sti benedeti

Ma pratendru ca 'l sgogna vargun,
porin, nu 'l g n culpa, nul s far
n le propriu miga bon da sgugnar
al tignom in cumpagnia parch parch
ma l'e in gran bel rimorchio da tirarsi dr
ma quant la nosa alegria nu l' p tal
el cu la s zirmonica al tira s 'l mural

============

E quando ha finito le sue"corsette"
ti d una lezione alle bocce

C' anche il "Pecio" (Mansueto) l subito fuori di Rho
che se c' da "far bello" non dice mai di no
un bel ragazzo, cuore d'oro, pieno di allegria
basta solo incontrarlo per la strada
che subito ti trascina all'osteria

Hai sete ?, non ne hai ?, bisogna accontentarlo
altrimenti ti giudica subito con il suo "garbo"
e anche se qualche volta si ricorda anche ... dei Santi
di persone di quel carattere, ce ne vorrebbero tante

Chiss, chiss, chiss, chiss cosa direbbe
alla nostra onorevole signora Merlin
che ha pregato che venga gi San Martino
ad abbattere le case (chiuse) ed il loro ..."casino"
chiss che preghiera nuova saprebbe inventare
per colei che ha proibito di ... andare l
(allude, evidentemente, alla abolizione delle "case di
tolleranza")

Anche l'Angelo "biscar" o "farletta" (soprannomi di casata)
molto "tagliato" per le barzellette
a stare con noi un pochino tetro
ma merito lo scettro
una sagoma davvero
il re dei buffoni

Quello che non sa alcun dialetto (ironico - Angelo era
famoso per parlare molti dialetti !)
capace solo di fare il "Rigoletto" (era una sua
famosa imitazione)
Suvvia, carino che sei una bella "lagna"
tu che hai messo le tende a Verbania.

Per il nostro Dario, bravo ragazzo
bisogna tirarlo in ballo anche lui
un cantante non male, insomma
se il caso f anche la voce da donna
canta per i vivi e anche per i morti
per non far torto a nessuno

E' un poco a corto in fatto di barzellette
(tutto quel che segue ironico, perch Dario era
famoso per le barzellette e per le "prese in giro")
ma quelle poche che dice sono le pi pure
mi ricordo bene quella delle due vecchiette
(e pensare che f cos male)... queste benedette !

Ma prentedere che prenda in giro qualcuno
poveretto, non ne ha colpa, non sa farlo
non proprio capace di prendere in giro
lo teniamo in compagnia perch perch
ma un gran bel rimorchio da trainare
Ma quando la nostra allegria non pi tale
lui con la sua fisarmonica, tira s il morale !

 

torna su

IL TESORIERE RI-RACCOMANDA

L'abbiamo gi fatto nell'ultimo giornalino di settembre, quindi
questo, come si dice, ... l'ultimo avviso.
Il tesoriere raccomanda a tutti quelli che non hanno ancora
provveduto al rinnovo della quota sociale per l'anno 2003, a
provvedere al pi presto, inviando l'importo di 20 euro in contanti, od
assegno, o vaglia postale, ad Imerio Santoni - 38088 Spiazzo,
oppure effettuando un bonifico alla Cassa Rurale di Spiazzo sul
conto corrente intestato "Associazione La Trisa Mortaso".
Infatti coloro che al 31 dicembre non risultassero avere rinnovato la
quota, dovranno essere considerati dimissionari e cancellati anche
dall'indirizzario di questo "Foglio Notizie"

 

CONSULTATE IL SITO DELLA NOSTRA
ASSOCIAZIONE ALL'INDIRIZZO:
http://digilander.libero.it/latrisa

ASSOCIAZIONE LA TRISA - frazione Mortaso - 38088
SPIAZZO (TN) - tel. 0465-802049 - Email: info@latrisa.com
LETTERA AGLI ASSOCIATI CICLOSTILATA IN PROPRIO